roberto torrusio

teniamoci aggiornati

Archive for settembre 2008

Il miglior “rovescio” di Nadal Rafa beccato chiappe al vento

Posted by agenziabarabc su settembre 30, 2008

Sui campi da tennis il rovescio di Rafael Nadal non perdona. Ma anche lontano dal gioco, il campione spagnolo dimostra di non avere rivali. Un paparazzo l’ha immortalato a bordo del suo yacht al largo di Formentera,  in una versione inedita e decisamente sexy. Convinto di essere lontano da sguardi indiscreti, Rafa ha sfilato il costume, mostrando il suo posteriore ai quattro venti. Che spettacolo!

 

Dopo il dritto, insomma, la stella del tennis ha lasciato tutti a bocca aperta sfoderando un rovescio da urlo.

Se gli scatti hot sul New York Magazine avevano messo in luce i suoi pettorali perfetti, questi scatti rubati rendono omaggio al didietro invidiabile del campione olimpico. Alle Baleari, si sa, il nudismo è di tendenza, e Nadal non si è fatto sfuggire l’occasione di godersi qualche momento di libertà.

Ma non ha fatto i conti coi fotografi, appostati per immortalarlo durante questa sua pausa dal gioco. E’ bastata una leggerezza dell’asso spagnolo, per regalare loro una fotografia d’oro. Rafa toglie il costume, ed ecco che i flash immortalano per sempre le sue chiappe sode. Per la gioia delle fans…Il re è nudo!

Annunci

Posted in news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Addio a Walter Silvio studia D’Alema

Posted by agenziabarabc su settembre 30, 2008

Il premier: “Il capo del Pd usa la Cgil, ma la gente è con me”
AUGUSTO MINZOLINI
ROMA
C’è un paradosso che accompagna la coda dell’«affaire» Alitalia. Proprio mentre Walter Veltroni ha rivendicato il proprio impegno nel salvataggio della compagnia di bandiera, cioè ha collaborato alla riuscita di un’impresa fortissimamente voluta da Silvio Berlusconi, i rapporti tra il premier e il leader del Pd hanno raggiunto il livello più basso. Ma, come spesso capita, si tratta di un paradosso solo apparente.

In realtà l’autoesaltazione che Veltroni ha dato del suo ruolo, cui hanno contribuito non poco i media, è un tentativo di coprire quanto è avvenuto: cioè un’operazione politica, fin troppo scoperta, di sminuire la funzione del premier e del suo governo, di non regalargli un altro successo dopo quello sui rifiuti. Al di là delle tante parole spese nella querelle, infatti, un dato è certo: l’accordo che Guglielmo Epifani ha firmato nel week-end era, a parte modifiche davvero secondarie, identico a quello che il segretario della Cgil aveva bocciato la settimana precedente. Per cui in sette giorni solo un elemento è cambiato nella trattativa: il leader del Pd, che pure ha sempre osteggiato l’operazione, si è ritagliato un ruolo, se non di protagonista di co-starring, ha tentato di dimostrare che senza il suo assenso quell’accordo non si sarebbe potuto fare. L’incontro a casa Veltroni tra il presidente della Cai, Colaninno, ed Epifani, oltre ad essere irrituale, serviva a ratificare la regia del capo dell’opposizione.

Così la «variabile» che ha tenuto con il fiato sospeso il Paese e i lavoratori dell’Alitalia è stata solo frutto di tatticismo. Un episodio che il Cavaliere non ha proprio digerito: «Qualcuno – continua a ripetere in privato – ha usato la Cgil a fini politici infischiandosene degli interessi generali e facendo perdere una settimana di tempo al Paese».

Ma poi questa acrobazia politica spericolata è servita davvero al leader dell’opposizione, oppure no? I dubbi non mancano: l’operazione, infatti, ha riofferto l’immagine di una Cgil legata a doppio filo ai suoi referenti politici; ha enfatizzato mediaticamente la vicenda Alitalia di cui il Cavaliere ha un «copyright» che Veltroni non avrebbe mai potuto insidiare. Infine, dopo il «sì» solenne all’accordo, il leader del Pd si è dovuto difendere dagli attacchi di Di Pietro e della sinistra massimalista e per riequilibrare è stato costretto a riaccendere una polemica violenta sulla scuola, sulla costituzionalità del «lodo Alfano» e sui rischi per la democrazia. Andando in rotta di collisione anche con il Capo dello Stato.

C’è stata, quindi, l’ennesima riedizione del Veltroni «ondivago» che, in questo caso, ha penalizzato anche la Cgil. I sondaggi che sono arrivati ieri sulla scrivania del premier sono significativi. Se Mannheimer registra una caduta della fiducia nel sindacato di 19 punti dall’anno scorso indicando un indice del 23%, per quelli di Alessandra Ghisleri (che ha azzeccato le previsioni delle ultime due elezioni politiche) è addirittura al 16%. Interessanti anche i dati su chi per l’opinione pubblica ha avuto il maggior merito nella soluzione della crisi Alitalia: il 49,2% indica in Berlusconi il personaggio chiave, l’1,7% in Veltroni. Comunque, le esternazioni di questi giorni del leader del Pd qualcosa hanno prodotto: l’11,8% degli italiani si è convinto che il merito è del braccio destro del premier, Gianni Letta. L’andamento non cambia se si passa ai partiti: il Pdl è al 42,5% insieme agli alleati al 52,2%; il Pd è fermo al 28% con un Di Pietro al 5,3%.

Insomma, gli umori dell’opinione pubblica dimostrano che l’operazione di «de-berlusconizzazione» del caso Alitalia non è stata molto soddisfacente per il leader del Pd. E i rapporti con il premier sono tornati ai ferri corti. Berlusconi a questo punto è convinto che deve andare avanti per la sua strada. Il tentativo dell’asse Cgil-Pd di arrogarsi una sorta di diritto di veto come su Alitalia non lo preoccupa. «Le minacce di sciopero non mi impressionano – ha spiegato ai suoi -, ho l’opinione pubblica dalla mia parte». Inoltre se su Alitalia il Pd ha ottenuto questi risultati, figurarsi che potrà fare un Veltroni incalzato da Di Pietro sui temi della giustizia. Ecco perché sulla scia del ricorso alla Corte Costituzionale sul Lodo Alfano da parte dei pm di Milano, Berlusconi ha riaperto le ostilità sul fronte giustizia. Ad esempio, è difficile che possa accettare la nomina di Luciano Violante alla Consulta, visto che considera gli equilibri dentro l’organismo tutti spostati a sinistra. Poi, pensa di dare un segnale efficace sul «caro vita» per disinnescare l’autunno: ha chiesto al ministro Scajola un piano per calmierare i prezzi dei beni alimentari di prima necessità da concordare con la grande distribuzione. In ultimo si prepara a perfezionare la struttura di governo con la nomina di Fazio a ministro della Sanità e della Brambilla a ministro per il Turismo.

E il dialogo con l’opposizione? Non lo interessa. Ha le sue ragioni. Intanto Veltroni da qui alle elezioni europee, che per il leader del Pd si sono trasformate in un vero giudizio di Dio, non può permetterselo. E questo lo sanno anche i bambini. Poi c’è un’altra ragione di fondo, che l’«affaire» Alitalia ha reso lampante: la crescente difficoltà per il Pd di recitare una parte nel bipolarismo italiano. Veltroni, infatti, oscilla tra posizioni che il Cavaliere ritiene inaccettabili. Nella testa del leader del Pd, infatti, il «dialogo» è un concetto molto simile alla logica consociativa: su Alitalia, sulla Rai o sulla giustizia l’opposizione si arroga, per dirla in breve, una sorta di diritto di veto, vuole concordare le scelte. Se il governo va avanti lo stesso, il decisionismo nell’immaginario del Pd si trasforma subito in un pericolo per la democrazia: e la polemica parte dal fascismo (è successo quest’estate) per arrivare ai paragoni con Putin. «Veltroni è la parodia – sintetizza uno dei consiglieri del Cavaliere, Fabrizio Cicchitto – dell’ultimo Berlinguer. In quell’occasione finì in tragedia, questa volta diventerà una farsa». Forse l’unico che ha capito, nel suo pragmatismo, che il Pd rischia di fare solo la parte dell’opposizione nel bipolarismo italiano, è D’Alema. Il quale non a caso propone uno scambio per il futuro: Berlusconi al Quirinale e la scelta del modello tedesco che, nei fatti, sarebbe il preludio del superamento degli attuali schieramenti.

Posted in Senza Categoria | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Compleanno Berlusconi/ Su Affaritaliani.it gli auguri di politici e non solo. Le interviste

Posted by agenziabarabc su settembre 29, 2008

Nessun forum aperto
Compleanno Berlusconi/ Su Affaritaliani.it gli auguri di politici e non solo. Le interviste
Lunedí 29.09.2008 09:06
Silvio Berlusconi compie 72 anni. Invia il tuo messaggio di auguri al premier

Politici, di maggioranza e di opposizione, ma non solo. Affaritaliani.it ha intervistato 25 personaggi famosi che inviano il loro messaggio per il 72esimo compleanno del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

ECCOLI IN RIGOROSO ORDINE ALFABETICO

Antonio Baldassarre (presidente emerito della Corte Costituzionale): “Tanti auguri”

Italo Bocchino (vicepresidente vicario del gruppo Pdl alla Camera): “L’augurio è quello di continuare così con il decisionismo di cui l’Italia ha bisogno”

Mario Borghezio (eurodeputato della Lega Nord): “98 altri miracoli… dopo Napoli e l’Alitalia”

Don Gianni Baget Bozzo (ideologo di Forza Italia): “La gioia di questi giorni l’accompagni sempre”

Daniele Capezzone (portavoce di Forza Italia): “Gli augurerei di contribuire a salvare anche il Partito Democratico”

Lorenzo Cesa (segretario nazionale dell’Udc): “Gli faccio veramente con grande affetto i migliori auguri”

Massimo Donadi (capogruppo dell’Italia dei Valori alla Camera): “L’Italia merita qualcosa di più di questa deriva personalistica che ci sta offrendo”

Dario Fo (drammaturgo e attore di teatro): “(lunga risata)… buon anno… auguri, insomma. Basta. Più di così che cosa devo dire…”

Maurizio Gasparri (presidente dei senatori del Pdl): “Vada avanti così perché… emergenza rifiuti, Alitalia… è un fenomeno”

Alessandra Ghisleri (direttrice di Euromedia Research): “…nonostante Scalfari, la storia è con lei…”

Giancarlo Giorgetti (segretario della Lega Lombarda e presidente della Commissione Bilancio della Camera): “Non invecchia mai lui. Non ha alcun problema”

Franco Grillini (presidente di Gaynet): “Che si goda la vecchiaia e smetta di fare politica”

Nicola Latorre (esponente dalemiano del Pd): “Non ha senso sforzarsi di apparire più giovani di quello che si è”

Renato Mannheimer (responsabile dell’istituto Ispo): “Oltre agli auguri… che cerchi di mantenere l’unità nel governo”

Alessandra Mussolini (presidente della commissione Bicamerale per l’Infanzia e segretario nazionale di Azione Sociale): “Tanta serenità”

Arturo Parisi (leader degli ulivisti del Pd): “Auguri. Basta”

Antonio Polito (direttore de Il Riformista): “Gli auguro lunga vita politica e personale”

Gianni Rinaldini (segretario generale della Fiom-Cgil): “Non ho alcun messaggio per Berlusconi”

Marco Rizzo (eurodeputato dei Comunisti Italiani): “Dica alla Gelmini di leggere Marx”

Gianfranco Rotondi (segretario della DcA e ministro per l’Attuazione del Programma): “Senz’altro è il compleanno nel quale gli arriva più affetto dagli italiani”

Piero Sansonetti (direttore di ‘Liberazione’): “Tanti auguri e forza Milan”

Vittorio Sgarbi (critico d’arte e sindaco di Salemi): “Che salvi Milano dall’Expo e dai grattacieli di Citylife”

Francesco Storace (leader de La Destra): “Io credevo che Berlusconi compisse gli anni ogni cento anni…”

Gino Strada (fondatore di Emergency): “Auguri… succede a tutti e tutti gli anni di compiere gli anni”

Giorgio Tonini (esponente veltroniano del Pd): “Gli auguro un po’ di buon uomore”

fonte

Posted in politica | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laura Chiatti a nudo alle sfilate milanesi

Posted by agenziabarabc su settembre 29, 2008

L’avevamo lasciata a Palau in Sardegna tra acrobazie bollenti e morsi da brivido con il compagno Francesco Arca, la ritroviamo a Milano alle sfilate della collezione primavera-estate 2009. Laura Chiatti, lasciate alle spalle le gioie delle vacanze, si concentra sul look e sull’amore. “Non ho ancora pensato all’abito bianco” confessa a Tgcom, ma ammette che sullo stile è lei a dettare le regole in casa.

I biondi capelli sciolti sulle spalle, un trucco da bambola per un viso dolce e romantico, avvolta in un tubino nero e con tacchi vertiginosi, Laura si è presentata alla sfilata di Love Sex Money di Lorella Signorino bella come non mai.

Foto Tgcom

Nel backstage la Chiatti ha attirato l’attenzione di tutti. Le modelle, per prime, non riuscivano a staccarle gli occhi di dosso mentre si vestivano per calcare la passerella. Lei, occhi sorridenti e felici, regalava sorrisi. “Nella vita prima l’amore, poi il sesso e infine i soldi” ha detto l’attrice a chi le chiedva del marchio di cui era ospite. Già l’amore. Quello per Francesco Arca, con cui è legata da più di un anno.

Presto per i fiori d’arancio? “Al mio abito da sposa ancora non ho pensato” ha detto con aria sognante. Però ha ammesso che a guidare lo stile di coppia è proprio lei. Per vederla in bianco forse bisognerà aspettare, ma non troppo. Come ha detto Laura: “Chi lo sa…”.

 

fonte 

Posted in Senza Categoria | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sara Varone: “La mia prima volta nuda”

Posted by agenziabarabc su settembre 24, 2008

Il 2009 sarà l’anno di Sara Varone. La soubrette più cliccata del Web, conosciuta al grande pubblico grazie alle performance bollenti a Buona Domenica, apparirà più sexy che mai nel calendario di For Men e i fan sono già in delirio. Seducente e affascinante grazie alle sue curve mozzafiato, Sara a Tgcom confessa: “Non sono una tipa da reggicalze, ma conquisto con la dolcezza e la semplicità”.

Ambientate in un’azienda agricola di Orbetello, le foto dei dodici mesi più bollenti del nuovo anno sono state scattate da un fotografo donna, dello studio di Roberto Rocco. “Piaceranno anche al pubblico femminile” assicura la Varone.

Foto Art Concept - Roberto Rocco

Sara, è stato imbarazzante posare nuda?
Ero molto impaurita all’idea di mettermi nuda. Infatti indossavo pantaloncini, magliette sexy, ma non riuscivo a svestirmi completamente. E’ stato buffo, ma alla fine ce l’ho fatta. La fotografa è una mia amica e questo mi ha aiutata molto.

Quale parte del suo corpo preferisce?
Mi piaccio tutta. Ma se devo dire un punto debole quello è la linea. Sono molto mediterranea e devo stare attenta a ciò che mangio perché tendo ad ingrassare sui fianchi e sul sedere. Sono una buona forchetta, perciò mi devo trattenere.

Il mese che preferisce?
Sono tutti belli. Sono ambientati in mezzo al verde, alla natura, tra le mucche, la paglia. Non c’è volgarità, sono molto sexy, dolce, espressiva. Sono molto soddisfatta: è veramente un bel calendario.

A quale calendar-girl vorrebbe assomigliare?
Mi piace molto Elisabetta Canalis perché è un tipo fuori dagli schemi. Dal punto di vista professionale ammiro molto Paola Perego, a cui sono molto affezionata, Simona Ventura, Barbara D’Urso, Mara Venier…

Dopo le esibizioni bollenti di Buona Domenica che programmi ha Sara Varone?
Mi avevano proposto di fare La Talpa, ma ero impegnata con la mia nuova linea d’abbigliamento e ho dovuto rinunciare. Se decido di fare un reality lo devo fare bene. Spero di tornare in tv con qualcosa di bello. Sogno un programma tutto mio: visto che sono laureata in Psicologia mi piacerebbe una trasmissione sociale, non pesante, con la presenza di un esperto, che tratti tematiche importanti.

E programmi nella vita privata?
Sono single, ma molto serena.

Il suo uomo ideale?
Più che l’aspetto fisico, che certamente è importante per far scattare l’attrazione iniziale, conta la complicità, il rispetto reciproco. Voglio un compagno di viaggio, che mi aiuti nelle scelte. Con lui un giorno potrò pensare anche alla famiglia e ai figli.

Qual è la sua arma di seduzione?
Non sono una ragazza da reggicalze. Sono semplice e dolce. In televisione mi dipingono aggressiva, sono molto passionale in amore, ma tanto dolce.

fonte

Posted in news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emmanuelle Béart, nuda e selvaggia L’attrice si spoglia su Elle

Posted by agenziabarabc su settembre 23, 2008

Scatti sexy e proibiti: Emmanuelle Béart posa totalmente nuda sull’edizione francese di Elle. Bella e sfrontata, a Cuba l’attrice sfodera tutta la sua sensualità e si lascia indagare dall’obbiettivo di Sylvie Lancrenon, che ha commentato: “Il suo corpo è come una scultura“. Sul set, la Beart si è mostrata sicura di sé, per nulla imbarazzata dalla sua nudità, a suo agio con i flash: “Mi attira ciò che non è normale”, ha rivelato.

Durante gli scatti, fatti a Cuba per il libro di foto di nudi dell’attrice 45enne “Emmanuelle Beart: Cuba libre”, l’atmosfera è stata dominata da un grande silenzio.

Non c’è stato bisogno di parole tra le due donne, anche perché Emmanuelle ha saputo interpretare il suo ruolo senza istruzioni, semplicemente scegliendo, di volta in volta, la posa ideale, in grado di esprimere la massima sensualità.

Anche se, come ha precisato la fotografa, non c’è gusto dell’erotismo, “una cosa inventata dagli uomini”, ma arte pura. “Lei va oltre il nudo – ha precisato Sylvie Lancrenon – il corpo si fonde con le pareti, con ciò che la circonda. Danno un’impressione di vita tranquilla, sebbene siano tutte in movimento e non nette. In queste foto non c’è interferenza maschile, siamo solo io e lei”. Difficile comprendere cosa cerca la Beart con queste immagini provocanti.

Ma la fotografa sa cosa le rende uniche: “Guardate il moviemnto delle sue vertebre. Per me il suo corpo è una scultura. E’ molto vivo. Il corpo è la sua stessa creta, che lei modella. Quando si guarda allo specchio, non si tratta di narcisismo o di esibizione. ha una grande complicità col suo corpo, una sorta di riconciliazione”. Per Emmanuelle, queste foto sono “come un film che non farà mai”, una grande emozione racchiusa in alcuni sensualissimi scatti che rapiscono, letteralmente, l’osservatore.

fonte

Posted in Senza Categoria | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

C.Ronaldo, sesso con “sorpresa”,L’amante è una prostituta-spacciatrice

Posted by agenziabarabc su settembre 23, 2008

Una nuova avventura piccante per Cristiano Ronaldo. Secondo il News of the World, il suo ultimo flirt è Fernanda, una prostituta brasiliana, coinvolta anche nello spaccio di droga. Da tempo i due hanno avviato una bollente liason sotto le lenzuola, ma per il calciatore niente sesso a pagamento. Fernanda, infatti, si sarebbe innamorata di lui, tenendolo all’oscuro della sua vera professione.

La prorompente escort racconta in giro della sua relazione col campione, che dura da tempo, definendosi “una cara amica”. Ma mai la mora mozzafiato ha detto la verità sulla sua vita, in cui vende il proprio corpo e la droga per soldi.

Tanti soldi, circa 600 euro a volta, per una performance calda ed indimenticabile. Prima sesso sfrenato con la star del pallone, poi avventure ad alto tasso erotico con sconosciuti, a base di strip osé, balli sexy e lesbo-show.

Il suo nome è sulla lista di almeno cinque agenzie di escort inglesi, e la sua sede di lavoro è un lussuoso appartamento a South Kensington, dove, con abiti provocanti, accoglie i suoi numerosi clienti. A cui offre passione e droga, a richiesta. L’amore per Ronaldo è sempre stato gratis. Perché, spiega il tabloid, il calciatore a Fernanda piace davvero, anche se sa che non sarà mai la sua “numero 1”.

Lui, però, l’aveva presentata ai compagni di squadra e anche a Mr. Ferguson. Una relazione segreta, ma solo per i paparazzi. Ora, però, Fernanda è stata smascherata ed è certo che Cristiano farà di tutto per prendere le distanze da quest’amicizia molto scomoda.

fonte

Posted in news | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Aubrey O’Day, una bomba… hard,La star delle Danity Kane senza veli

Posted by agenziabarabc su settembre 22, 2008

Il suo produttore Diddy, che l’ha lanciata col gruppo Danity Kane durante il reality MTV Making the Band, l’aveva detto: “Aubrey, mi preoccupi sei troppo su di giri” e lei aveva risposto: “Mi hai presa per questo no?”. Aubrey O’Day posa hard per Complex e confessa: “Amo vedere i film porno con i ragazzi di colore. La mia amica del cuore? La pornostar Jenna Jameson”. In arrivo un film “American High School” e il secondo disco con le Danity Kane.

Aubrey ha conosciuto la popolarità nel 2005 dopo aver passato le selezioni e vinto, assieme ad altre quattro ragazze, al reality di MTV Making the Band. Il loro primo disco, uscito nel 2006, è schizzato subito in vetta alle classifiche americane ed inoltre le Danity Kane hanno fatto anche da supporter Back to Basics Tour di Christina Aguilera in giro per gli Usa.

E non è finita qui. La cantante ha un film in uscita, la commedia demenziale “American High School”, e una linea di abbigliamento da lei creata. Inoltre sta terminando di incidere il secondo disco con le Danity Kane. Fin qui niente di male. Ma l’ambizione ha portato Aubrey a posare (quasi) senza veli e in atteggiamenti da pornostar consumata per il Magazine Complex.

L’intervista è a tutto tondo sul sesso e sui segreti più intimi di Aubrey. “Adoro guardare i film porno – dice – specialmente quelli in cui ci sono i ragazzi di colore che hanno rapporti con le ragazze bianche. Lo so è una cosa fetish e non me ne vergogno. Se mi proponessero di fare un film hard? No, non accetterei – ammette -. Li ho fatti ma a livello amatoriale con i miei fidanzati”.

La sua chiacchierata amicizia con l’ex pornostar Jenna Jameson prosegue a gonfie vele: “Non ci crederete ma noi non parliamo mai di argomenti scabrosi quando ci vediamo. Solo una volta… quando le ho chiesto un consiglio. Se potevo far sesso con un ragazzo durante il ciclo. Lei si è fatta una risata e mi ha detto ‘Ma certo!'”. Un argomento come quello del ciclo non mette in imbarazzo Aubrey che, anzi, confessa di “parlarne volentieri”. E riguardo il sesso in quei giorni, se proprio uno non se la sente, la O’Day candidamente afferma che “ci si può sempre dedicare ad altri tipi di rapporti”.

Infine la cantante non si dice affatto preoccupata di essere etichettata in diversi blog come una ‘sporcacciona‘: “Se mi chiamano così gli stupidi allora non ci faccio neanche caso. Io so chi sono e mi piaccio così”. E sicuramente anche i lettori di Complex la penseranno così.

(Le foto sono tratte da Complex Magazine)

fonte

Posted in news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il Milan presenta la mostra del bel calcio

Posted by agenziabarabc su settembre 22, 2008

Il Milan presenta la mostra del bel calcio

Quattro gol alla Lazio: Seedorf, Zambrotta, Pato e Kakà spengono i biancocelesti

Una prima leggicchiata veloce porta a pensare che il Milan abbia inscenato la tempesta del secolo. Scorrendo invece bene lo svolgimento della partita si notano tanti punti positivi puntellati qua e là da macchioline che ancora lasciano intravedere ombre. La Lazio che esce da un ipotetico inferno, esce tra due ali di applausi. Perché la reale differenza non è rappresentata dal 4 a 1. La squadra di Ancelotti ha cominciato a risalire, non c’è che dire. Non utilizza scale mobili, bensì i soliti e noti vecchi gradoni fatti di orgoglio, qualità e corsa. Piace il nuovo Milan, ma piace anche questa Lazio nonostante fallisca il primo salto di qualità dell’anno.   

LE PAGELLE

Seedorf 7 Due perle in una serata indovinata. La prima sta nell’ostrica Ledesma. Il petto del laziale funziona da perfetto compagno di squadra per ritrovarsi a tu per tu con Carrizo. La seconda sta nel suo genio quando pesca Zambrotta con un ‘no look pass’ che mette l’esterno nelle condizioni ideali per smazzare un assist decisivo.

Zarate 7 Il suo sole non tramonta mai. Ne è chiaro esempio l’azione che porta al momentaneo pareggio. Apre l’arcobaleno alle soglie dell’area milanista e lo chiude alle spalle di Abbiati. Rapido come quelle pizzette da scaldare, una volta anticipato Kaladze lo porta in giro per San Siro al guinzaglio.

Zambrotta 7 Balbuziente in difesa, poliglotta quando supera la metà campo. Il destro da 31 metri trova un buon alleato nelle gambe appesantite di Carrizo, ma resta una saetta difficile da individuare. Rischia figuraccia e fallimento sportivo dopo un minuto quando accarezza timidamente il pallone innescando Mauri che poi ‘incenerisce’ con esperienza.

Pato 7 Prima lavora sulla scenografia con un tacco da primo ballerino. Poi accelera inserendo sul percorso qualche ostacolo da dribblare. Infine, stanco di soli applausi, si prende anche la standing ovation anticipando Rozehnal in volo d’angioletto.

Kakà 7,5 L’ossessione di tornare a essere il pallone d’oro conosciuto non molto tempo addietro lo porta a testare se stesso in tutti i settori. La lunga marcia non conosce zone morte. Si sacrifica fino sulla propria mediana, ma è sempre sull’altra riva che dà il meglio. Suggerisce per Pato, schiaccia sull’acceleratore per una prova speciale, inserisce Borriello in un buon corridoio, rispolvera il destro a giro e in chiusura, da fermo, la mette dove neppure l’acchiappasogni potrebbe andare a riprenderla.

Abbiati-Carrizo 5,5 Stesso voto, genesi diversa. Abbiati prende il gol del pareggio momentaneo sul suo palo ed è bravo su Pandev solo quando il sipario è calato da tempo. Carrizo invece mostra di più, nel bene e nel male. Subisce quattro gol ed è responsabile su quello di Zambrotta, con molta probabilità la rete decisiva. Poi però evita un tracollo ben peggiore quando annulla il tacco di Pato, vola con la mano di richiamo sul destro a giro di Kakà e sventa il sinistro violento di Borriello.

Matteo Brega

MILAN-LAZIO 4-1
Milan (4-3-1-2): Abbiati 5,5; Zambrotta 7, Kaladze 5,5, Maldini 6, Jankulovski 6,5; Ambrosini 6,5, Gattuso 6,5 (34′ st Emerson sv), Seedorf 7 (19′ st Flamini 6); Kakà 7,5; Borriello 6,5, Pato 7 (26′ st Ronaldinho 6,5). All. Ancelotti (A disposizione: Dida, Favalli, Bonera, Shevchenko)
Lazio (4-3-1-2): Carrizo 5,5; Lichtsteiner 6, Siviglia 6, Rozehnal 5, Kolarov 5,5; Ledesma 5,5, Brocchi 6 (34′ st De Silvestri sv), Matuzalem 6 (23′ st Meghni 6); Mauri 5,5 (18′ st Foggia 6); Zarate 7, Pandev 6,5. All. Rossi (A disposizione: Muslera, Cribari, Manfredini, Makinwa)
Arbitro: Rizzoli
Marcatori: 8′ pt Seedorf (M), 26′ pt Zarate (L), 35′ pt Zambrotta (M), 4′ st Pato (M), 15′ st Kakà (M)
Ammoniti: Zambrotta (M), Kaladze (M), Brocchi (L), Jankulovski (M)

fonte

Posted in calcio | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Kate Hudson:”Recito nuda e amo il sesso”

Posted by agenziabarabc su settembre 21, 2008

Kate nel film “My best friend’s girl”

Kate Hudson in promozione per il lancio della sua ultima commedia “My best friend’s girl“, nelle sale americane dal 19 settembre, ha confessato: “Quando lavoro mi piace interpretare la parte di una donna sexy. Trovo normale, anzi divertente giocare con il sesso ed è per questo che non ho problemi a girare senza veli”. Nella pellicola la Hudson, dopo la fine di una relazione, si trasforma in una divoratrice di uomini dal linguaggio piuttosto osé.

Foto Afp

Il film, diretto da Howard Deutch, vede come protagonista il giovane e imbranato Dustin (Jason Biggs) che è letteralmente disperato dopo che la sua ragazza Alexis (Kate Hudson) l’ha mollato a sorpresa. L’unica soluzione per riconquistare il suo cuore è quello di rivolgersi all’affascinante amico Tank (Dane Cook).

Il lavoro di Tank è alquanto anomalo: una sorta di gigolò… al contrario. Infatti esce con le ex ragazze e il suo scopo è quello di farle passare la peggiore serata della loro vita. In questo modo le donne disperate tornano dai rispettivi ex compagni. Ma c’è un problema. Infatti Tank si innamora perdutamente di Alexis.

Sarà così diviso tra l’amicizia verso il povero Dustin e quella che potrebbe essere finalmente la donna della sua vita…

fonte

Posted in news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »