roberto torrusio

teniamoci aggiornati

Supersfida Tv: Berlusconi, no grazie. Veltroni, non serve

Posted by agenziabarabc su aprile 5, 2008

Il confronto finale affidato a Bruno Vespa. Novanta minuti in diretta. Se qualche leader non si presenta la si farà ugualmente. Per Berlusconi la vera sfida Tv sarà quella a “Matrix”. Da Mentana 45’ per ognuno dei due leader di Pdl e Pd l’ultimo gi orno di campagna elettorale: il primo a parlare sarà Berlusconi. Intanto Ag Com annuncia il riequilibrio Pd – Pdl nella presenza nei programmi .
Sarà il capolavoro della par condicio. Con Bruno Vespa impegnato a cronometrare i leader. Il conduttore di Porta a Porta modererà infatti il confronto finale tra tutti i candidati premier alle elezioni politiche, in un programma in prima serata su Raidue venerdì 11 aprile. La sfida conclusiva fra tutti gli aspiranti alla presidenza del Consiglio si farà anche se uno o più candidati non si presenteranno all’appuntamento, come ha chiarito – su richiesta della Rai – la presidenza della commissione di Vigilanza.   La Vigilanza ha anche spiegato che il candidato premier non può delegare un suo sostituto e che il confronto si “deve”+ fare, anche se uno o più leader danno forfait. Il programma – novanta minuti in diretta – sarà gestito dalla testata Rai Parlamento, che lo ospiterà nei suoi studi, anche se il direttore Giuliana Del Bufalo lo ha affidato a Vespa per la sua ampia esperienza nel gestire un elevato numero di ospiti. In base al regolamento della Vigilanza, al confronto possono  fare domande anche giornalisti non appartenenti alla Rai.

MATRIX
. Sarà la vera sfida Tv, secondo Berlusconi, quella che andrà in onda l’ultimo giorno di campagna elettorale su Canale 5. Il programma condotto da Enrico Mentana prevede 45’ minuti per ognuno dei due leader di Pdl e Pd.  Lo scontro non sarà un faccia a faccia, ma i due leader parleranno separatamente: il primo ad avere la parola sarà Silvio Berlusconi poi toccherà a Walter Veltroni.

AGCOM: PDL COME PD
. Il monitoraggio si è svolto nel periodo 27 marzo-2 aprile: Pd e Pdl ora sono in parità, almeno nell’informazione radiotelevisiva. Secondo l’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni persiste invece lo squilibrio fra le due principali forze politiche e i piccoli partiti, anche se si è ridotto negli ultimi giorni. AgCom ha così indirizzato a tutte le emittenti i relativi “ordini di riequilibrio”  raccomandando in particolare di dare visibilità ad alcune liste finora penalizzate. La Commissione Servizi e Prodotti dell’Autorità ha rilevato inoltre che tra le liste diverse da Pd e Pdl sussiste in alcuni casi un’evidente disparità di trattamento. AgCom ha così disposto che sia attribuita una maggiore visibilità televisiva a tali liste e, in particolare, che, tra esse, “sia assicurato un adeguato accesso all’informazione a quelle che hanno avuto finora un’irrilevante visibilità”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: