roberto torrusio

teniamoci aggiornati

Veltroni: “Niente larghe intese se perdo, resto segretario del Pd”

Posted by agenziabarabc su marzo 30, 2008

“Nessun inciucio, chi vince governa. Poi, insieme, le riforme”
Bonaiuti (Pdl): “Abbiamo la vittoria in mano, il resto è disinformazione”

Walter Veltroni

ROMA – “Nessun inciucio, niente larghe intese, chi vince governa. Poi, le riforme istituzionali si fanno insieme”. Acclamato dai suoi sostenitori, Walter Veltroni visita un gazebo, uno dei tanti allestiti in tutta Italia per il Democratic Day, e smentisce le affermazioni di Newsweek. Ovvero che per l’Italia l’unica speranza di “salvarsi” sarebbe un governo in comune Pdl-Pd. “Veltrusconi”, titola il settimanale americano, che piazza in copertina un volto realizzato con le facce dei due candidati, entrambi intervistati.
Ma “chi vince, governa, niente intese né coalizioni” lo dice pure Paolo Bonaiuti, portavoce di Silvio Berlusconi, aggiungendo: “Il Pdl è saldamente in testa a Camera e Senato, tutto il resto è disinformazione di sinistra”. E se gli organizzatori del D-Day esultano perché “sono stati contattati 6 milioni di cittadini”, un milione di romani invece riceverà presto un dossier con prefazione a firma di Silvio Berlusconi e rassegna dei “disastri” compiuti, a suo giudizio, da Veltroni e Rutelli come sindaci della capitale.

Veltroni: “Niente larghe intese. Partita più che mai aperta”. Quello delle larghe intese, insiste il leader del Pd, “è un tema che non esiste”. E se, una volta al governo, “le riforme istituzionali si fanno di concerto”, questo è tutt’altro da un governo insieme. “Nessun inciucio. Non esiste alcuna grande coalizione”. Quanto al risultato del voto, a Veltroni non manca la fiducia. “Una settimana fa avrei detto che la partita è aperta, adesso dico che è più che mai aperta. Sono assolutamente ottimista. Sono loro che parlano di pareggio”. Sostiene, anzi, che il risultato al Senato non sarà in bilico e che il Pd possa vincere sia a Montecitorio che a Palazzo Madama. “Nel Paese c’è la convinzione crescente che si possa veramente cambiare, nonostante una legge elettorale folle. Ci saranno sorprese”.


“Se sconfitto non mi farò da parte”. Veltroni promette: anche in caso di disfatta elettorale “continuerò ad assolvere l’impegno, preso con tre milioni e mezzo di persone, di fare un grande partito, finché non potrà essere superato da una scadenza analoga”. Cioè finchè non ci saranno nuove primarie a eleggere un altro segretario.

“Serve leadership seria e responsabile”. Veltroni ribadisce che non risponderà agli insulti o agli attacchi di Berlusconi su stalinismo, brogli e simili. Ma al Cavaliere spedisce più di una stoccata: “L’Italia ha bisogno di una leadership europea, responsabile e seria, gente che non faccia le corna nelle foto con i capi di Stato”. Quanto ai suoi rapporti con Berlusconi, aggiunge (senza farne esplicitamente il nome): “Mi dà fastidio la doppiezza di certi uomini politici. Il mio principale avversario, durante la discussione sulle riforme, parlava di me come se fossi Giolitti. Ora che c’è la campagna elettorale dice quanto di peggio possibile. I miei sono giudizi politici, mai personali. Questa è quella parte trash della vita politica che io non frequento”. Una critica pesante anche sulle parole del Cavaliere sulla Cei. “Diversamente dal mio principale avversario io rispetto quello che pensa la Cei e non mi permetterei mai di affermare che quello che pensa questo o quell’esponente della Cei è riferibile a mie posizioni. Si tratta di un fatto di elementare rispetto e rigore istituzionale”.

“D-Day, un successo”. Intanto il Pd ha richiamato in piazza il popolo delle primarie per dare “l’ultima spinta”, come l’ha definita Veltroni, verso le elezioni. “Da molti anni in Italia non si vedeva una mobilitazione elettorale di tali proporzioni” commenta in serata Ermete Realacci, responsabile comunicazione del partito. Secondo i dati diffusi dal Pd, sono stati contattati più di 6 milioni di cittadini e “reclutati” un milione e duecentomila volontari pronti a impegnarsi nella fase finale della campagna elettorale.

Berlusconi contro Veltroni. “E’ un affabulatore, ma il grande spettacolo che sta mettendo in scena è finito” dice il Cavaliere nell’intervista a Newsweek. “Gli italiani hanno capito che in Italia ci sono due sinistre. Che la sinistra significa 67 nuove tasse, una pressione fiscale più alta, frontiere aperte con un crollo della sicurezza, la tragedia dei rifiuti di Napoli e lo stop” ai cantieri “dei lavori pubblici. Questi sono i fatti della sinistra. Poi ci sono le belle parole e le promesse e quella è la sinistra di Veltroni”.

“L’antiberlusconismo è finito”. “La sinistra ha semplicemente imparato che usare questo approccio era un boomerang – ha detto Berlusconi a Newsweek. Gli italiani mi conoscono per quello che sono e per quello che ho fatto. Dopo cinque anni di governo Berlusconi sanno che non possono pensare a qualcuno più liberale di me. Guardando le televisioni e leggendo i giornali che sono di proprietà della mia famiglia, sanno che non c’è mai stato un attacco contro la sinistra. Vedono che sono l’editore più liberale. Io credo che gli attacchi radicali creino rifiuto; la sinistra ha capito che non è più conveniente continuare così”.

Il Cavaliere e i “disastri” di Roma. E’ un libro fotografico – 96 pagine – in cinque capitoli, dal titolo “C’era una volta il modello Roma di Rutelli e Veltroni. L’eredità della sinistra”. Ed è Berlusconi a scrivere le quattro pagine dell’introduzione. “La sinistra ha costruito una città egoista”, si legge, prima di un elenco dei “numeri del fallimento della sinistra” che dimostrerebbero “non il ‘modello Roma’ ma il ‘disastro Roma’”. A giorni il volume sarà spedito a un milione di romani.

Annunci

Una Risposta to “Veltroni: “Niente larghe intese se perdo, resto segretario del Pd””

  1. […] Veltroni: “Niente larghe intese se perdo, resto segretario del Pd” […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: