roberto torrusio

teniamoci aggiornati

Operazione antidroga della GdF: in manette i “Re” della coca di Agropoli e Capaccio, 15 arresti

Posted by agenziabarabc su febbraio 19, 2008

Prosegue la lotta per il controllo del mercato dello spaccio di sostanze di stupefacenti sulla piazza di Agropoli e di Capaccio, in provincia di Salerno. E’ proprio da tale contesa che nasce l’indagine delle Fiamme Gialle di Agropoli, chiamata appunto “Doppio Scacco”, che ha permesso di neutralizzare le due principali organizzazioni che si contendevano il monopolio dello spaccio della droga nei comuni cilentani. L’articolata attività d’indagine, coordinata dal Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania – Dott. Alfredo Greco – e diretta dal Sostituto Procuratore Dott. Francesco Rotondo, ha delineato un quadro delinquenziale del fenomeno più ampio di quanto ci si aspettasse all’inizio delle attività.

Difatti l’attività che inizialmente interessava solo i comuni cilentani, si è estesa anche a Torre Annunziata. Un arresto c’è stato anche a Torino nei confronti di una donna, originaria di Rutino (SA) che riforniva il mercato cilentano. L’attenta, quanto mai meticolosa e costante attività investigativa, condotta dalla GdF di Agropoli – comandata dal Cap. Salvatore Perrotta – sotto la supervisione del Comando Provinciale di Salerno comandato dal Col. Angelo Matassa, consentiva di ricostruire la radicata presenza nel comune di Agropoli e Capaccio di due gruppi criminali, tra loro rivali, dediti all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione ha consentito alle fiamme gialle di misurarsi sulle due scacchiere occupate dalle due compagini criminali e di far capitolare i rispettivi “Re” allo stesso tempo. Il procuratore Greco – si è espresso in termini lusinghieri per il lavoro svolto dal suo ufficio e dalla P.G. operante. Sono state eseguite 15 ordinanze di misura cautelare e 27 perquisizioni. Con l’operazione “Doppio Scacco” si è dato un forte segnale della presenza dello stato e della vicinanza al delicato ruolo delle famiglie che quotidianamente lottano per difendere i propri familiari dall’attacco ignobile dei facili portatori di felicità.

L’aspetto più allarmante che è emerso e che socialmente preoccupa sono gli atti di disperazione a cui possono arrivare i consumatori per procurarsi la dose di cocaina, spesso molto giovani. Una porsche modello “Cayman,” una Mini Cooper e diversi conti correnti sono stati posti sotto sequestro come provento dallo spaccio di sostanze stupefacente. A soli 23 anni A.R. già ambiva, a gestire in maniera dominante il mercato della droga tra Agropoli e Capaccio, ma per lui l’unica realtà ora sono le sbarre del carcere di Salerno.

Tra le stesse sbarre verrà “ospitato” anche l’altro “Re” L.C. di 37 anni già con precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti e rapina. L’abitualità della sua condotta illecita lo portava a spacciare e a prendere gli appuntamenti in macchina o a casa, addirittura, insieme alla moglie ed alla figlia minorenne. Nel corso delle operazioni, a conferma della bontà delle intuizioni investigative e degli elementi probatori raccolti, è stato tratto in arresto, in flagranza di reato, un soggetto in possesso di un chilogrammo di cocaina.
18/02/2008 9.51.06

fonte 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: